VITERBOSCEC - SCEC ED ECONOMIA TERRITORIALE - VITERBOSCEC

Vai ai contenuti

Menu principale:

lo scec

ŠCEC ed economia territoriale

Buon senso, abbiamo detto altrove.
Buon senso è, avendo galline, non comprare uova.
Buon senso è scambiare le uova in eccesso con prodotti che non si possiedono.
Ma buon senso è anche non sfruttare la gallina per avere il massimo ricavo nel breve periodo e non nutrirla con alimenti non sani per ottenerne più uova.
Perché questo? Perché non è “etico”?
Assolutamente no: perché non è conveniente!
Perché se mangio uova non sane non avrò per me un nutrimento sufficiente: immetterò nel mio corpo elementi chimici che mi indeboliranno ulteriormente ( allergie, intolleranze, immunodeficienze … ).
Dovrò fare controlli e analisi mediche.
Dovrò comprare integratori alimentari, vitaminici e minerali.
Dovrò avere nel mio cassetto degli antistaminici.
Quanto mi è costato, quindi, ogni uovo?
Il buon senso e l’ottima economia ci indirizzano verso un uso intelligente del territorio, delle risorse, dei beni.
Utilizzo, non sfruttamento.
L’uso genera circolarità; lo sfruttamento, al contrario, genera accumuli: stasi, blocchi, ictus.
Circolarità significa dar vita a virtuosità economiche che si riflettono su tutta la comunità territoriale restituendocene la sovranità.
Circolarità è, ad esempio, dar vita a filiere pulite capaci di far superare l’attuale visione socio-economica divisa in categorie; si tratta di dimostrare che l’interesse del produttore è identico a quello del commerciante che è identico a quello del consumatore: l’equilibrio è finalizzato al miglior prezzo in grado di compensare tutti, anche chi consuma, perché farà mantenere nel tempo la qualità e la disponibilità dei prodotti e dei servizi, aumentando la coesione sociale ed il benessere diffuso.



L’uomo si distrugge con la ricchezza senza lavoro.
L’uomo si distrugge con gli affari senza morale.
dal “Settenario” di Gandhi


 
Torna ai contenuti | Torna al menu